Al triplice fischio è tanto l’amaro nelle bocche grossetane per una vittoria che poteva e doveva arrivare. Novantacinque minuti giocati all’attacco, senza però essere mai davvero pericolosi, nonostante la generosità di Cosimi e le geometrie di Berretti. Tanti anche gli errori che, uniti alla sfortuna, lasciano alla fine della terza di campionato soltanto un punticino alla truppa di mister Consonni. Non è mancato però l’impegno, e gli applausi regalati ai giocatori biancorossi dalla curva a fine partita lo testimoniano. Fischio d’inizio sotto un diluvio che non intimorisce però i biancorossi. Al 4’ affondo di Cosimi che si guadagna il primo corner. Dalla bandierina Berretti scodella al centro e dopo una prima respinta della difesa ospite la palla arriva a Cosimi che dal limite colpisce il palo. Al 15’ ancora Grifone pericoloso, sempre su calcio d’angolo, con Ciolli che di testa solleva i primi applausi convinti. Al 23’ si vede per la prima volta il Marina La Portuale con la punizione di Signorini, ma Nunziatini si fa trovare pronto. Due minuti dopo ancora Signorini su punizione mette in area un pallone insidioso che Nunziatini afferra sventando la minaccia. L’occasione più ghiotta arriva alla mezz’ora con la punizione di Berretti che dipinge una traiettoria nell’angolino basso, ma Costa si supera toccando in angolo. Il Grifone va a riposo regalando ai propri tifosi l’ennesima bella azione: Salvestroni allarga per Bartalucci che va sul fondo e crossa in mezzo: Vegnaduzzo stacca di testa ma il pallone finisce tra i guanti di Costa. A inizio ripresa dalla curva nord spunta lo striscione “Ciao Alberto”, in ricordo del tifoso biancorosso scomparso. Si riparte e al 14’ prodezza dell’instancabile Cosimi che riceve da Bartalucci e al volo cerca la porta con un pallonetto: a portiere battuto la palla incoccia però sulla traversa. Il Grifone si sacrifica e attacca a testa bassa, ma più ci prova più la porta avversaria si fa piccola. Il nono angolo però è quello buono perché dal corner di Berretti sbuca la testa di Nigiotti che rimette in mezzo per il colpo vincente di Andrea Ciolli che, dopo il gol vittoria a Larciano, va nuovamente in gol facendo esultare i mille cuori biancorossi presenti allo Zecchini. Il vantaggio dura però soltanto tre minuti perché su punizione Costa pareggia i conti beffando Nunziatini che riesce soltanto a sfiorare la palla. L’assedio finale non porta niente e non cancella la delusione per non aver saputo gestire un vantaggio che poteva e doveva portare i tre punti in Maremma. Rimane il grandissimo impegno e la voglia di rimanere uniti per trovare quella cattiveria sotto porta che potrebbe far fare il salto di qualità a questa squadra. In fin dei conti il campionato è appena cominciato.

GROSSETO (4-3-3): Nunziatini; Sabatini, Ciolli, Gorelli, Bartalucci N.; Berretti, Borselli (16’ st Fratini), Salvestroni (35’ st Del Nero); Cosimi (29’ st Faenzi), Coli, Vegnaduzzo (23’ st Nigiotti). A disposizione: Cipolloni, De Carolis, Bicocchi. All. Consonni.

MARINA LA PORTUALE: Costa, Cuccolo, Bedini (23’ st Costa), Signorini, Della Maggiora, Maggiari (18’ st Offretti), Piscopo, Puccinelli, Cinquini, Falorni (4’ st Conedera). A disposizione: Belloni, Dell’Ertole, Giorgi, Tazzini. All. Gassani.

Arbitro: Mirko Giuseppe Cimmarusti della sezione di Novara.
Assistenti: Alberto Rinaldi e Albi Kica della sezione di Pisa.
Ammoniti: 42’ pt Sabatini, 6’ st Gorelli, 15’ st Costa, 19’ st Coli,
Reti: 32’ st Ciolli, 35’ st Costa.
Angoli: 10-0
Recupero: 0’ pt, 5’ st.