Quando Roberto mi ha chiamato per parlarmi di questo progetto all’inizio, non lo nego, sono rimasto un pò perplesso. L’idea era bella, coinvolgente ed anche emozionante ma i dubbi erano tanti. Diciamocelo, queste sono quelle cose che … o bene bene, o male male. Se si ottiene il risultato, tutti bravi, ma se il risultato non arriva allora … tutti zitti, come se nulla fosse mai stato fatto. Poi però a mente fredda, ragionandoci su, mi sono convinto che questo progetto alla fine non poteva fare altro che portare qualcosa di positivo. Del resto sono sempre stato convinto che la rosa di quest’anno sia stata composta da bravi ragazzi, seri professioni, gente a cui però è sempre mancato qualcosa, perché allora non provare a darla noi quella spinta che non è mai arrivata? E poi devo essere onesto fino in fondo … se non ci fosse stato Roberto a fare il “lavoro sporco” probabilmente tutto sarebbe naufragato dopo la prima telefonata.
L’idea iniziale era quella di riprendere infine la squadra mentre gli veniva mostrato il video. Alla fine però ha prevalso il rispetto dell’intimo e il non voler invadere un momento ed un luogo che secondo noi doveva essere off-limits.
Qualcuno però ha voluto rendere merito a tutti quelli che hanno collaborato alla buona riuscita di questo progetto, registrando quei momenti che mister Danesi c’ha fatto poi avere, autorizzandoci a condividerli con voi. Adesso lascio che Roberto vi descriva, come nessuno meglio di lui sa fare, quei momenti magici.
Manuel Pifferi

“Stasera, tutto ciò che proverà ad essere di intralcio al vostro obiettivo dovrà  essere travolto ……… DOVRA’ ESSERE TRAVOLTO!!!”

Queste sono le parole pronunciate da Mister Danesi alla fine della proiezione del video. I successivi novanta minuti sono l’onda perfetta. Quella che tutti sognano di vivere almeno una volta nella vita. Questo è il finale di una storia iniziata più di un mese fa. Quando c’eravamo tutti accorti che la squadra stava passando un momento difficile. C’era bisogno di fare qualcosa. C’era bisogno di fare gruppo, di compattarsi. C’era bisogno che ognuno, nel suo piccolo, facesse qualcosa per aiutare i nostri ragazzi. Perché, come ha sempre sostenuto la famiglia Ceri fin da inizio stagione, solo con il supporto di tutti (ma proprio tutti, nessuno escluso) si potranno raggiungere gli obiettivi prefissati. Ed ecco che gironzolando in rete mi imbatto in un video a scopo motivazionale. Da quel momento prende corpo l’idea di fare, anche noi, qualcosa del genere. Ne parlo con Manuel, c’abbiamo lavorato su per qualche settimana e poi, una volta pronto il tutto, ci siamo messi in attesa del momento giusto, convinti che sarebbe arrivato. Ci siamo messi in attesa dell’onda perfetta. Fino a ieri. C’abbiamo dovuto dedicare un po’ di tempo ma ne è valsa la pena. La disponibilità e l’entusiasmo che abbiamo incontrato in tutti i protagonisti del video sono stati contagiosi, per questo grazie, GRAZIE davvero!!! Ma il nostro non è un ringraziamento di quelli freddi e pieni di formalismo, ma uno GRAZIE sentito, vero, di quei ringraziamenti pieni di consapevolezza, senza di voi tutto questo non sarebbe mai stato possibile.
Questo video è la dimostrazione che se si mettono da parte i personalismi, a favore del gruppo, qualsiasi obiettivo è raggiungibile.
Questo video è la somma di tanti piccoli contributi, dai tifosi, ai familiari dei giocatori, dal Mister, che ha saputo coglierne ed esaltarne il contenuto, ai giocatori che hanno saputo trasformare quell’emozione in risoluta determinazione.
Vedere questa reazione nei volti dei nostri ragazzi ci fa capire quale sia la strada giusta da seguire, sempre.
Nel frattempo, fuori da quello spogliatoio, c’era chi lavorava dalla mattina per rendere il campo di gioco il più perfetto possibile e chi, come Simone, si adoperava per ideare e realizzare centinaia di bandiere da regalare ai tifosi per colorare lo stadio.
Ognuno, nel suo piccolo o grande (non ha rilievo), impegnato a concretizzare il proprio apporto per il raggiungimento di un obiettivo comune.
Ecco, io stavolta trovo della poesia in tutta questa storia, in tutte le sue sfaccettature, ma alla fine, quando i miei occhi avranno smesso di lacrimare, quello che più mi resterà è la consapevolezza che senza l’apporto di tutti, forse, ieri la storia avrebbe avuto un altro finale.
La strada è quella giusta, continuiamo a percorrerla insieme.
Ascoltate bene le parole del Mister e osservate con attenzione la reazione dei giocatori alla visione del video.
In quella stanza durante la proiezione si viene a creare qualcosa di prodigioso.
Un misto di magica empatia e delicata intimità.
Un momento sacro, indimenticabile.
Questo rappresenta il combustile unico delle nostre vite.
Questo è ciò che conta.
Questo è ciò che resiste al tempo.
Questo è ciò che resta alla fine di un’intera esistenza.
Toccare l’anima, parlare dritti al cuore delle persone.
Non ho voglia di scrivere altro.
Rischierei di profanare tutto ciò che, una volta che avrete visto il video, sarà comunque evidente.
Certe cose, certi momenti, mantengono più valore se custoditi dentro l’anima di ognuno di noi.
I silenzi, spesso, sono meglio di mille parole.
Buona visione…

Roberto Bongini alias T&GO

 

[intense_video skin=”default” video_type=”vimeo” video_url=”https://vimeo.com/268443034″]

 

2 COMMENTI

  1. SPETTACOLARE !!!
    GRANDE INIZIATIVA ED HO VISTO QUALCUNO COMMOSSO, BELLISSIMO !!!
    FINO ALLA FINE FORZA GROSSETO !

    Ottimista sei un cretino, uno dei pochi amici cretini veri, ma SEI UN GRANDE !!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento, grazie!
Please enter your name here